Marzo 8, 2021

Gonnos.com…eravamo – Post 015

Ad esempio, il rione di “Gonn’e susu” è circoscritto alla parte più vecchia sorta attorno alla chiesa patronale, e il viale Kennedy è ancora una strada rurale.

La scalinata sembra tracciata ma incompleta, la zona verso Santa Severa non ancora urbanizzata e il cosiddetto “ponte nuovo” ancora assente.

La casa comunale è chiaramente ancora quella originale, mentre non c’è il ne campo sportivo comunale, ne la “fiera mercato”, ne la rotonda di Piazza Verdi. Sembra notarsi, invece, sia il pino che dimorava nei paraggi che la caratteristica “matt’e s’ummu”.

Dove oggi sorge l’ambulatorio comunale s’intravvedono delle costruzioni isolate tipo caserme, e costruzioni simili si notano sulla sinistra scendendo verso San Gavino.

La zona artigianale sono ancora piena campagna, così come via Pace e Via Foscolo; ed evidentemente non potevano esserci gli edifici scolastici della zona.

Dal contrasto di colori l’unica strada asfaltata parrebbe essere la via Nazionale.

In progress…