Polisportiva Primavera - Jolly Dolianova 59 - 46

Fuori dalla crisi ci va la Primavera Basket, dentro la crisi ci piomba il Jolly. E’ questo il responso della gara disputata ieri al PalaKennedy nella quale la squadra di Gonnos ha avuto la meglio sulla formazione di Dolianova con il punteggio 59 a 46. La compagine guidata dal coach Cannas torna al successo dopo le tre sconfitte patite nelle ultime 6 gare disputate nell’ultimo mese di calendario e pone un sigillo fondamentale per la conquista di un posto in prima file nei playoff di fine stagione. Una giornataccia, invece, per la squadra...
del Mister Puddu, al terzo stop consecutivo, che vede praticamente allontanarsi quasi del tutto la possibilità di accedere alla quarta e ultima posizione utile che garantirebbe l’accesso della sua squadra alla fase finale.

La cronaca. La formazione di casa soffre a dismisura nel primo quarto, quando gli ospiti, grazie alla realizzazione di 2 triple consecutive (del numero 6 Collu e del numero 12 Solinas) e alle efficaci penetrazioni del numero 15 Murgia M. realizzano un break importante (10 a 2) chiudendo i primi 10 minuti di gioco sul 14 a 4. A nulla servono le strigliate di Cannas dalla panchina: i locali sviluppano un gioco lento, prevedibile, con tiri forzati e scarsamente precisi, mentre in difesa patiscono enormemente la maggiore vivacità messa in campo dagli avversari. In apertura di secondo periodo, il Jolly si ridimensiona. L’entrata di Ruggeri (15 punti finali per lui e solita marea di assist) da maggiore velocità e concretezza alla manovra della sua squadra, contribuendo non poco al contro break (11-2) che spinge la Primavera fino al 18 pari quasi alla fine del quarto. Il coach Puddu chiama time out per frenare la rimonta gonnese e il Dolianova riesce a contenere i danni andando alla pausa lunga, se pur soffrendo, ancora in vantaggio di un punto (22-21).

Al rientro dagli spogliatoi la musica non cambia. La Primavera continua a martellare con tiri dalla lunga distanza e contropiedi brucianti dei galoppatori Vaccargiu e Piras, dando l’impressione di poter prendere il largo, oltre che nel gioco, anche nel punteggio, realizzando un piccolo break di vantaggio a inizio ripresa che la porta sul 29-24. Ma il Jolly non si scompone: pur soffrendo nel gioco, riesce comunque a non perdere la testa e a ribattere colpo su colpo. Il coach Puddu giostra bene i pochi cambi a disposizione (solo 8 uomini a referto), e grazie anche a qualche errore di troppo dei locali, riesce a chiudere anche il terzo parziale, dopo essere stata sotto quasi tutto il tempo, in vantaggio di 1 punto (38-37).

Nell’ultimo parziale il Jolly non ce la fa più. La fatica si fa sentire sulle gambe: i pochi cambi e i tanti falli commessi costituiscono un handicap insormontabile per gli ospiti che si vedono così costretti loro malgrado a dare via libera ai padroni di casa. La Polisportiva dal canto suo fa valere nel finale la sua migliore prestanza atletica, e grazie ai canestri di Vaccargiu V. in contropiede e alle triple di Ruggeri, Muntoni e Aru S. conclude l’incontro con un +13 finale che consente ai ragazzi di Gonnos di ottenere una vittoria scaccia crisi preziosissima per il prosieguo del campionato.

Per i tabellini dell’incontro segnaliamo i 14 punti di Solinas (tra cui ben 4 triple) e gli 11 di Collu per il Dolianova, mentre dal lato Primavera citiamo i 29 punti di Vaccargiu e i 15 di Ruggeri (3 triple).
 

Commenti